Login Form

La nostra Prociv su Facebook

 


 

LAVENO MOMBELLO – 15.07.2018 - Ci saranno i tradizionali fuochi artificiali sul lago il 15 agosto a Laveno Mombello. Per questo evento sono da ormai diverse settimane al lavoro sia la Pro Loco, che l’Amministrazione comunale e la Protezione Civile. Negli ultimi anni ci sono state serie difficoltà nel riuscire a realizzare l’ultra centenario evento, ma per quest’anno sembra che tutto proceda per il meglio. Non ci sarà, è bene dirlo subito il tradizionale "Ferragosto Lavenese", quello delle barche illuminate ed a soggetto, dei lumini galleggianti, che sia per mancanza di fondi, ma soprattutto a causa di leggi sempre più ristrettive sulla sicurezza, dopo i fatti di Torino e della nota e restrittiva Circolare “Gabrielli”, rendono più complicata se non impossibile la realizzazione di molte manifestazioni pubbliche, con grave danno per le tradizioni locali e nazionali,

ma ci sono più che buone speranze di riuscire a portare in porto l’iniziativa di una “Festa di Mezza Estate” che si svolgerà proprio a Ferragosto. Ora malgrado il caldo di questi giorni, non rallenta l’intenso lavoro dello staff organizzatore, che si sta adoperando per riuscire, insieme ai commercianti, ed esercenti lavenesi, ai mestieranti del Luna Park, oltre ad alcuni sponsor, per realizzare quella che sarà la “Festa di Mezza Estate” che debutterà il prossimo 15 agosto, come il tradizionale “Ferragosto Lavenese”. Anche se manca ancora qualche fondo per mettere il “tetto” al progetto e qualche autorizzazione, soddisfazione per come sta andando avanti il progetto è stata espressa dallo stesso presidente della Pro Loco Franco Liuzzo, che sottolinea come non solo gli amministratori del Comune stanno lavorando in sinergia con la Pro Loco, ma lo stesso vice sindaco Sabrina Paola Bevilacqua, l’assessore al turismo e polizia locale Alvaro Reggiori e l’assessore alla cultura Nadia Marchetti, si sono persino autotassati sul loro "gettone di presenza" amministrativo, per sostenere la riuscita del “progetto”. Si parla di uno spettacolo pirotecnico sul lago per il quale si è impegnato in prima persona l’artificiere varesino Pietro Masciocchi, quello del famoso filo con la cascata argentata sul golfo lavenese, realizzato con la collaborazione della locale protezione civile 8 anni fa. Lo stesso artigiano è già al lavoro per presentare oltre ad un buon spettacolo pirotecnico qualche altra novità! Per la riuscita della manifestazione si è scelta un’area controllata e circoscritta che è quella posta in fondo a Viale De Angeli Frua, dove un tempo sorgeva la ex Ceramica lago e dove ora sorge l’Hotel Charme. L’ingresso all’area di “prima fila”, sarà a numero chiuso, circa 3.500 persone. Un’area presidiata con le opportune è richieste “vie di fuga”, come riportato nel “Piano di Sicurezza”, con le relative “misure” da attuare e i servizi antincendio. Lo spettacolo ovviamente sarà visibile in tutto il golfo lavenese e sulla sponda piemontese del lago. Le necessarie domande sono state fatte, grazie alla collaborazione di “Jm Consult” di Cittiglio, che si occuperà dei mercatini nei giorni di Ferragosto, cosi come è stato presentato il relativo piano di sicurezza e le necessarie procedure che sono state avviate nei termini di legge. Si attende ora, incrociando le dita, il definitivo ok dagli organi preposti. La colonna sonora verrà affidata ai Dj set con Nalu e Tripintequila, che suoneranno musica Nu jazz, soul e funky, alternati a downtempo e Chill-rave. Musica per tutti i gusti direttamente dai migliori interpreti nazionali solo per Laveno. Da segnalare fra i musicisti Onti Alessandro e Luca Montagna, il primo originario di Laveno, che hanno per questa manifestazione interrotto il proprio tour. I complessi suoneranno aspettando i fuochi, per poi accompagnare per la prima volta fino alla 2,00, la fine della serata. La Navigazione Lago Maggiore come sempre, interromperà i collegamenti fra le due sponde del lago alle ore 21, del 15 agosto e si riprenderà dopo lo spettacolo pirotecnico. Ma sia i traghetti che alcuni battelli in crociera sosteranno nel golfo lavenese per assistere allo spettacolo pirotecnico dal lago. Il Ferragosto Lavenese, attraverso una puntuale ricerca sul giornalino allora edito dalla Pro Laveno, vede tale iniziativa debuttare con uno spettacolo pirotecnico e la sfilata di barche illuminate già nel 1899, quindi 119 anni fa. Iniziativa che venne poi rilanciata nell’agosto del 1961 (57 anni fa) da Enzo Tortora con la trasmissione Rai di “Campanile Sera”. Di questa tradizione ultracentenaria se ne riparlerà, non appena nuove leggi e fondi lo permetteranno. Claudio Perozzo -